Trump avrebbe truccato i concorsi di Miss Universo, stabilito relazioni con la Russia nel 2013

trump miss universo ridimensiona

Ora ci sono nuove informazioni sui loschi presunti rapporti di Donald Trump con la Russia. Quest'ultimo bocconcino fa risalire la collusione Trump-Russia al 2013, quando ha influenzato la posizione del concorso di Miss Universo che si sarebbe tenuto a Mosca, secondo un nuovo rapporto di Il newyorkese .

In qualità di comproprietario al momento del concorso del 2013, molti concorrenti hanno affermato di ritenere che Trump avesse voce in capitolo in merito al fatto che le donne sarebbero passate alle fasi finali della competizione. 'Sono stato in quel paese. Stavano costruendo una Trump Tower lì. Era chiaro che i paesi che gli piacevano andavano bene', ha detto Adwoa Yamoah, che ha gareggiato come Miss Canada. Molti dei concorrenti, e persino i giudici, si sono resi conto della forza dell'influenza di Trump, rendendosi conto che le donne che rappresentavano i paesi con cui aveva o voleva fare affari venivano generalmente scelte come finaliste, a volte contro le scelte dei giudici.

La strategia aziendale di Trump è andata oltre la selezione di concorrenti di bellezza, tuttavia, poiché il suo vero punto di vista per portare Miss Universo a Mosca era sfruttare una relazione con Putin e il Famiglia Agalarov . La famiglia Agalarov, che è stata soprannominata i 'Trump della Russia', erano i principali magnati del settore immobiliare e della cultura pop in Russia. Trump ha stretto un accordo per tenere il concorso nella loro proprietà, hanno persino negoziato un'esibizione del cantante Emin Agalarov, al concorso.



C'è anche questo tweet molto reale dall'account personale del presidente che non si è preso la briga di cancellare.

Pensi che Putin andrà al Miss Universo Pageant a novembre a Mosca - in tal caso, diventerà il mio nuovo migliore amico?

— Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 19 giugno 2013

Sebbene il sogno di Trump di affascinare Putin non si sia concretizzato quel giorno, è riuscito a gettare le basi per stabilire le sue partnership russe. Ma forse una delle rivelazioni più inquietanti arriva da uno scambio di e-mail tra l'avvocato personale di Trump, Michael Cohen, e il criminale russo Felix Sater, collegato alla mafia. Il criminale è stato in corrispondenza con Cohen e ha scritto in una e-mail: 'Farò entrare Putin in questo programma e faremo eleggere Donald. . . . Amico, il nostro ragazzo può diventare presidente degli Stati Uniti e noi possiamo progettarlo. Farò in modo che tutta la squadra di Putins si impegni su questo.' Se fosse vero, queste ultime informazioni potrebbero aggiungere il carburante tanto necessario alle indagini sulla collusione di Trump con la Russia.

Leggi l'intero pezzo dal Newyorkese qui .